Home | Eventi straordinari | Quel giorno di Aprile

25 aprile al Teatro degli Scalpellini

Essi sono morti senza retorica, senza grandi frasi, con semplicità, come se si trattasse di un lavoro quotidiano da compiere: il grande lavoro che occorreva per restituire all'Italia libertà e dignità. Di questo lavoro si sono riservata la parte più dura e più difficile; quella di morire, di testimoniare con la Resistenza e la morte la fede nella giustizia. A noi è rimasto un compito cento volte più agevole; quello di tradurre in leggi chiare, stabili ed oneste il loro sogno: di una società più giusta e più umana, di una solidarietà di tutti gli uomini, alleati a debellare il dolore. Assai poco, in verità, chiedono a noi i nostri morti.
Non dobbiamo tradirli.

Piero Calamandrei

la lettura scenica è inserita nella rassegna VADO A TEATRO! organizzata dalla Bottega d'Arte del Teatro delle Selve.